Ci sono autori che hanno uno speciale talento, scrivere di altri autori, libri, storie di costume, epoche trascorse.
Giuseppe Marcenaro è massimo tra questi. La sua ultima opera, Wunderkammer, è una meraviglia. Marcenaro ha raccolto, dopo averli lasciati riposare nel ‘Foglio’, articoli su un passato ormai antico, tanto il presente corre veloce.
Deve aver avuto molto a cuore gli argomenti di cui scrive (da Diderot a Hitler) perchè ne esce una partecipazione e una ‘verve’ non facili a trovarsi.
Marcenaro, ricordando, probabilmente affronta il presente con più tolleranza per magagne e mediocrità.

Giuseppe Marcenaro
Wunderkammer
Aragno