"É più di qua che di là".
La battuta di Amerigo Bartoli all’indirizzo di Vincenzo Cardarelli colpiva le malattie presunte e le manie del poeta seduto a via Veneto.
Non impediva però l’ammirazione per il vecchio maestro allora riverito e considerato.

E oggi?

Poco si ricorda Cardarelli, sia poeta che prosatore. E molto a torto direi.
La grazia e la profondità dei suoi versi si legano alla versatilità e maestria della sua prosa.
Si possono passare ore a godere i ritmi incantatori delle poesie, le fantasie dei racconti, e i serissimi (mai pedanti o noiosi) saggi di letteratura.
Rileggiamolo.
Se Baricco si conforta ritrovando i Goncourt, si può certo fare altrettanto, e di più, con le opere di Cardarelli, così varie e geniali.

 

Vincenzo Cardarelli
Opere
Mondadori