Alla ricerca di un libro che curasse il disagio del tempo presente mi sono ricordato di una vita di Benvenuto Cellini quasi nascosta in uno scaffale appartato.
I libri non si comprano solo per leggere. Li si acquista per averli, li si ripone a scorta per il futuro, quasi ci si dimentica di loro, poi, un ricordo li riporta a galla.
Si deve fare un po’ di scavo casalingo per trovarli, la lettura però, in questi casi, è esaltata dal ritrovamento. Forse gli scoiattoli provano lo stesso piacere, d’inverno, a mangiare una noce che credevano perduta.

Benvenuto Cellini ha un viso che, se non può dire del suo genio di scultore nè di quello di scrittore, descrive il suo carattere : intelligente, deciso, violento.
La Vita scritta nel 1558 è tutta un’autoesaltazione. Scremate le vanterie, emergono la storia delle opere, raccontate nella concezione e nell’esecuzione, gli incontri con le persone, re, papi, cardinali, modelle, ribaldi, amici e, soprattutto, il ritratto di un’epoca affascinante, vissuta in modo spontaneo e vitalissimo.
In una scrittura dove le cose prevalgono sempre e lo stile è sbalzato come una scultura, vi potrete godere, solo per dire delle vicende più note, la descrizione del sacco di Roma, la fuga da Castel Sant’Angelo, la fusione del Perseo.
Una vera ‘vita’. Non virtuale come la maggior parte di quelle che viviamo.

Benvenuto Cellini
Vita
Innumerevoli edizioni, ma Einaudi ottimo.