II 24 giugno 1859 intorno a Solferino, piccolo comune del Mantovano, fu combattuta una delle più sanguinose battaglie dell’intero Ottocento. Il successo militare conseguito dall’esercito franco-piemontese comandato da Napoleone contro le truppe austriache di Francesco Giuseppe pose fine alla seconda guerra d’indipendenza e segnò il passaggio della Lombardia al regno dei Savoia. La violenza degli scontri, il numero dei caduti e dei feriti dall’una e dall’altra parte suscitarono enorme impressione in tutta Europa. Lo svizzero Henry Dunant, presente sul campo di battaglia, ne fu indotto a organizzare quella prima attività di assistenza che sarebbe sfociata di lì a qualche anno nella fondazione della Croce Rossa. Corrispondente di guerra e scrittore, Ulrich Ladurner ripercorre i luoghi e gli avvenimenti di quel giorno servendosi di una guida molto particolare: il diario del proprio bisnonno che a Solferino combatté nelle file austriache. Ne risulta un racconto disincantato,fine e lieve sulla guerra, sulle sue mitologie, sul destino e le fantasie degli esseri umani. 

Ulrich Ladurner
Solferino. Storia di un campo di battaglia.
Il Mulino 2010.