Quattro artisti (Giovanni Cerri, Isabella Dovera, Marina Falco e Fabio Sironi) interpretano il denaro alla Fondazione Torre Colombera di Gorla Maggiore nella mostra Pecunia non Olet, aperta alle visite dal 15 ottobre al 10 novembre.

Un percorso narrativo ed espositivo che vede il denaro rappresentato attraverso diversi stili grafici e pittorici.

Interrogarsi sul significato del denaro e sul suo valore ha costituito uno stimolo a confrontarsi con un tema  fondamentale  per la comprensione della vita contemporanea.

Come trasporre in disegni e quadri,  la lunga storia della pecunia?

Ecco allora emergere quattro diverse interpretazioni artistiche, nonché, di conseguenza, quattro modi di raccontare in chiave iconografica la multi sfaccettata realtà del denaro. Dagli scorci di decadenza e di crisi di Giovanni Cerri alle figure vibranti e disperate di Isabella Dovera, dai bestiali amministratori
delegati diFabio Sironi ai fugaci voli della gazza ladra diMarina Falco, il denaro compare e scompare nelle opere esposte, diventa metafora del nostro mondo e del nostro modo di abitarlo.

@Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *