misteri dei ministeri
Un fortunato divertissement, questo libretto di Augusto Frassineti, Mistero dei ministeri, tanto che cambiò casacca editoriale più volte, nel corso del Novecento, segno di un testo per sua natura irrequieto e interessante.
Ho qui davanti a me l’edizione Guanda del 1952, la sua prima volta editoriale, nella collana Clandestina, una curiosa serie di libretti “contraddistinti dal voler operare in senso di rinnovamento; in senso, quindi, a un tempo critico e costruttivo” –  si legge in quarta – resi originali da un impatto grafico notevole, di cui potete trarre da soli le dovute impressioni dalla foto che allego al pezzo.
Pochi anni dopo Guanda, il libro fu preso in carico da Longanesi, che con altrettanto interessante copertina e un coup de plume ne ampliò il titolo in Misteri dei ministeri e altri misteri. Poi ci fu la volta di Einaudi 1973, Coralli, e recentemente quella di Kami editore, 2004, collana Amorfou, con copertina con disegni di Maccari.
Insomma la morale della favola sembrerebbe facile ed esplicita: passano gli anni ma i misteri dei ministeri sembrano connaturati alla nostra società e la “ministerialità” una scienza sempre in voga qui da noi.

 

@Massimiliano Varnai

 

Cercalo su MareMagnum.com