Forse, per capire Beppe Grillo si potrebbe consigliare la lettura del libro di Libereso Guglielmi.
Guglielmi è stato ed è un grande giardiniere, ricercatore di piante, autodidatta nel modo più serio e dedicato possibile.
Nato a Bordighera nel 1925, la terra e i suoi prodotti sono stati tutt’uno con lui fin da bambino. Due padri, uno il suo, l’altro Mario Calvino padre di Italo, l’hanno avviato allo studio e sperimentazione di piante da frutto, da fiore, della sua Liguria e di tutto il mondo.
Libereso Guglielmi in più ha il dono di spiegare le sue osservazioni e scoperte con una passione che cattura ascoltatore o lettore senza rimedio.
Il libro, Libereso, il giardiniere di Calvino, è una conversazione con Ippolito Pizzetti. Era già uscito nel 1993, oggi è ristampato per il piacere di nuovi lettori.
E Grillo ? Grillo è fisicamente il gemello giovane di Guglielmi. A parte la somiglianza fisica però, dalle opinioni di Guglielmi esce una forza di comunicazione molto impetuosa. Altra somiglianza.
Solo che Guglielmi è un poeta. Parla con le piante e, sono sicuro, le piante parlano a lui, e poi lui ce ne fa parte per farci capire chi siamo.
Il Grillo parlante invece, chissà.

Libereso Guglielmi
Libereso, il giardiniere di Calvino
Orme/Tarka