Matteo Zanini nasce sotto il segno dei Pesci, a marzo. Cresce con i libri e il profumo dei boschi e decide, poi, di prendere in mano la penna per raccontare le sue storie. Ha pubblicato La notte delle fate, Irraggiungibile, Istantanee, Catherine, Disincanto e Benzina estetica sul mondo. Trova conforto nella cucina, nelle passeggiate e nella letteratura classica inglese. Ha il sogno di vivere della sua penna; nel frattempo, si circonda di carta, inchiostro e tuffi d’immaginazione.

Il dolore dei pesci

Luca Giumento scrive un romanzo lacerante, di una potenza che sembra fatta di inchiostro e incastri di sillabe, virtuosismi di immagini, rimandi intellettuali di una suggestione che non può lasciare indifferenti. Ne Il dolore dei pesci è – in primis – la scrittura a incantare, a lasciare un segno nel pulsare del lettore, a legarlo a sé pagina dopo pagina, come se l’autore avesse tra le mani una bacchetta magica, più che una semplice penna. Perché la scrittura di Giumento è tutt’altro che semplice – ma non per questo meno fruibile! Il suo è un narrare accorto, soppesato, intelligente; e la narrazione, proprio per questo, procede incalzante tra la concretezza delle azioni e le sospensioni delle riflessioni, tra il susseguirsi delle vicende tangibili e i check point che si intravedono nelle corrispondenze di cui Il dolore dei pesci è pieno.

Teo – il protagonista del romanzo – è un giovane omosessuale al culmine della propria pienezza e, insieme, al limite del suo smarrimento. Trovatosi prematuramente proprietario di un appartamento, circondato da perbenisti borghesi a lui non somiglianti, sorretto da un microcosmo di affetti e viandante nella ricerca di ricordi, certezze e amore, Teo spalancherà le porte del suo spirito, consentendoci di sbirciare dalla serratura del suo cuore, delle sue vibrazioni, del suo passato da ricomporre – con l’augurio di potersi permettere un futuro meno nebbioso.

Il dolore dei pesci è un romanzo che necessita di immersione, che chiede al lettore la fiducia di una mano tesa e l’abbandono di cui munirsi per cedere all’indeterminatezza di alcune domande; perché solo lasciandosi abitare dai dubbi, solo interrogandosi e cercando sarà possibile tornare al punto in cui le risposte si sono posate – nell’attesa del nostro ritorno.

Il dolore dei pesci racconta di relazioni e di famiglia, di amicizia e accettazione, di perdono e rinascita, della rivolta necessaria, della rivendicazione, del “lasciar andare”; Luca Giumento ci racconta tutto questo unendolo all’Arte – con richiami di suggestione efficaci – alla sessualità, alle perversioni, allo scambio. Perché in queste pagine si respira tanta vita – l’euforia e la depressione, l’alba e il crepuscolo, la genesi e la stasi – e, dando loro fiducia, ciascuno di noi potrà riconoscere un frammento di sé, il passaggio rapido di fronte a uno specchio, la memoria della salsedine nelle narici mentre il sole sorge e i pescatori assonnati mostrano con orgoglio l’esito della loro notte di fatiche e speranze – insieme a quel muto dolore di chi rimane adagiato su un tappeto di ghiaccio a implorare un respiro prezioso come una lacrima di mare.

Il libro è disponibile sul sito della casa editrice SuiGeneris (clicca qui) e su Maremagnum.com (clicca qui)

titolo: Il dolore dei pesci
autore: Luca Giumento
collana: Pierre Dumayet
editore: SuiGeneris
pagine: 202
prezzo: 15,00 €
pubblicazione: 05/2019
ISBN: 9788894848205

L’AUTORE – Luca Giumento è nato a Palermo nel 1985 e attualmente vive in Spagna. Ex studente di cinema, da sempre appassionato di scrittura creativa. Ha pubblicato racconti brevi tra cui: Fantastico Ventidue, vincitore del Subway-Letteratura 2013; Hibiscus, edito da Navarra Editore e Polaroid, apparso sul web magazine Ziguline.

 

Summary
Review Date
Reviewed Item
Il dolore dei pesci
Author Rating
51star1star1star1star1star
Product Name
Il dolore dei pesci
Price
15
Product Availability
Available in Stock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.