Gesù di Nazareth. Vita e destino

A distanza di oltre 2000 anni la figura di Gesù Cristo è ancora avvolta dal mistero. E come potrebbe non esserlo? Proprio sul mistero, quello della Fede, si fonda il suo messaggio. Perché, allora, da secoli, in molti – finanche i più scettici – si interrogano sul Nazareno? Ma poi Gesù, quel Gesù che “agitava le folle” annunciando la venuta del Regno di Dio, ambasciatore in Terra del messaggio d’amore è veramente esistito? Esiste una differenza tra l’Uomo e il Figlio di Dio? Lo stesso che compì ben 27 miracoli, un’enormità (senza considerare i racconti collettivi), che discusse con i dottori del Tempio, e che, come riportato dalle Scritture, è risorto il terzo giorno. Il prediletto, il nato senza peccato dal grembo virginale di Maria, il profeta, il guaritore, il Salvatore. Ma anche il Gesù uomo, fatto di carne e ossa, nato e cresciuto senza un padre biologico, il mamzer, il discepolo del Battista, il giudeo.

Indefinibile Gesù.
Così si chiude il bel saggio dell’esegeta e biblista Daniel Marguerat, Gesù di Nazareth. Vita e destino, pubblicato nel 2020 per la casa editrice Claudiana, e curato da Alice Campetti, Eliana Bouchard, Yann Redalié.
Un ricco e attento lavoro di ricerca che non si propone come prima istanza quella di fornire una risposta ai molti interrogativi sul mito di Gesù, quanto piuttosto un’inchiesta che, come scrive in Prefazione il curatore, «non pretende in alcun modo di consegnare ai lettori il “vero Gesù”», piuttosto, continua, «un Gesù “possibile”, probabile, forse anche verosimile.»

Le motivazioni che portano Marguerat a riaprire le questioni dipendono principalmente dalla novità di fonti a disposizione che prima non si conoscevano (per esempio le testimonianze archeologiche), l’intensificazione degli studi sui testi cristiani e non cristiani, così come l’affacciarsi di nuove domande che le generazioni passate, vuoi per mancanza di indizi sufficienti, non si erano mai poste; per esempio: «Come si viveva nella società palestinese del I secolo, con un padre che, a quanto pare, non era il vero padre?»

Un investigatore poliziesco a caccia di prove, così viene definito Marguerat. A noi è sembrato più un chirurgo che, con certosina precisione, affila il bisturi per sezionare in parti sempre più piccole la vita del Nazareno, allontanandosi, almeno apparentemente, dalle questioni escatologiche. Così è strutturato il saggio, che nulla ha a che fare con quei pomposi e interminabili compendi filosofeggianti infarciti di note e notarelle (spesso più lunghe della stessa pagina in cui sono ospitate), ma che, invece, è un volume preciso, essenziale, ordinato. Perché è proprio questo che si percepisce: l’ordine mentale dell’autore che pone sul piatto l’argomentazione, cita le fonti, spiega il motivo per cui se ne parla e confronta le possibili interpretazioni. Ma una risposta ultima, sappiatelo, non c’è. Perché è impossibile fornirla e lo stesso Marguerat non ha l’arroganza di indottrinarci con verità assolute. Gesù di Nazareth. Vita e destino è piuttosto un piacevole pretesto per dialogare insieme e riflettere sulla figura di un uomo che a un certo punto compare nella storia dell’umanità rivoluzionandola completamente.

Il volume è diviso in tre parti: Gli inizi, La vita del Nazareno, Gesù dopo Gesù.

Nella prima vengono descritte le fonti documentarie a disposizione e come utilizzarle. A seguire la nascita di Cristo e l’influenza che ebbe il suo maestro spirituale, Giovanni il Battista.
Nella seconda si prende in esame il Gesù dei miracoli, delle parabole, con i suoi amici e i suoi avversari. Qui è dove l’Autore si impegna a mostrare perché Gesù è un uomo del suo tempo, immerso nel giudaismo degli anni 20 e 30.
Nell’ultima parte si affronta la risurrezione di Cristo e il destino del Nazareno nei tre grandi monoteismi (cristianesimo, ebraismo, islam).

Una lettura a posteriori di Yeshua, della sua vita, delle sue azioni, del suo destino. Il ritratto del Gesù storico di cui non si parla quasi mai, se non negli ambienti degli studiosi.

Lasciamo in calce l’indice testuale per meglio comprendere la natura del saggio, la cui lettura consigliamo a coloro che volessero approfondire, liberi da pregiudizi, il tentativo di una biografia dell’uomo che ancora oggi fa parlare di sé: Gesù di Nazareth.

Indice testuale
Prefazione

Prima parte. Gli inizi
Capitolo 1. Che cosa sappiamo di Gesù?
Capitolo 2. Un bambino senza padre?
Capitolo 3. Alla scuola di Giovanni il Battista

Seconda parte. La vita del Nazareno
Capitolo 4. Il guaritore
Capitolo 5. Il poeta del Regno
Capitolo 6. Il maestro di saggezza
Capitolo 7. Gli amici, gli avversari
Capitolo 8. Gesù e la sua vocazione
Capitolo 9. Morire a Gerusalemme

Terza parte. Gesù dopo Gesù
Capitolo 10. Risuscitato!
Capitolo 11. Gesù apocrifo
Capitolo 12. Gesù secondo il giudaismo
Capitolo 13. Gesù nell’islam

Epilogo
Opere di riferimento

Il libro è disponibile su Maremagnum.com clicca qui
e sul sito della Casa Editrice Claudiana clicca qui

————

titolo: Gesù di Nazareth
sottotitolo: Vita e destino
autore: Daniel Marguerat; [a cura di] Alice Campetti, Eliana Bouchard, Yann Redalié
editore: Claudiana
pagine: 293
prezzo: 24,50 €
pubblicazione: 2020
ISBN: 9788868982867

L’AUTORE – Daniel Marguerat esegeta e biblista, dal 1984 al 2008 è stato docente di Nuovo Testamento presso l’Università di Losanna. Tra le sue numerose pubblicazioni segnaliamo: Dio e il denaro (Qiqaion); Il primo cristianesimo. Rileggere il libro degli Atti e Paolo negli Atti e Paolo nelle Lettere (entrambi Claudiana).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *