Ci sono stati  professori, una generazione intera, universitari ma ai loro inizi anche liceali, che oltre a insegnare scrivevano. Per prima cosa i loro manuali, di per sé libri di lettura oltre che di informazione. Poi saggi e raccolte di scritti d’occasione, ricordi, profili etc.

I nomi? Concetto Marchesi, Manara Valgimigli, Pietro Paolo Trompeo e altri. Tutti provenienti da una tradizione risalente a De Sanctis, Carducci, Pascoli; saggisti italiani pieni di sapore e creatività.

Propongo Manara Valgimigli e La mula di don Abbondio. Valgimigli era di San Pietro in Bagno (Romagna), visse e insegnò a Padova, carducciano, grande montanaro, filologo poeta.

A scorrere l’indice del volume si percepisce la natura delle occasioni che hanno portato agli articoli, rileggerli è una delizia e una malinconia, come sempre per le cose che non esistono più.

 

Manara Valgimigli

La mula di don Abbondio

Cappelli

 

Cerca il libro su http://www.maremagnum.com/ricerca/risultati?utf8=✓&search%5Bkeyword%5D=la+mula+di+don+abbondio&commit=Cerca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *