Chi era Bruno Barilli ? Era un musicista, poi critico musicale, poi scrittore. Usava le parole come suoni oltre che come concetti "grandine e spruzzaglia di rubini e diamanti" diceva di lui Emilio Cecchi. Il suo linguaggio, barocco e arricciolato, arriva a risultati seducenti come pochi.

Bruno Barilli nato a Fano nel 1880 studiò a Roma musica e composizione, poi a Parma, poi in Germania. Visse a Roma e ivi morì nel 1952. I suoi articoli li pubblicò su riviste e giornali, li raccolse in libri, li rimaneggiò lavorando di forbici e colla e li fece riapparire in altri libri, sempre aggiungendo e perdendo, pezzi prelibati e qualche rara scoria.

Il paese del melodramma uscì nel 1930, un bel volume con copertina di Scipione. Doveva essere il primo di due libri paralleli, uno francese su Parigi, il secondo italiano sull’ Italia. Il progetto non riuscì e i due libri apparvero separati in epoche diverse.
Il volume si trova su Maremagnum in edizioni varie, da quella originale all’ultima di Adelphi.

Bruno Barilli
Il paese del melodramma