Come sappiamo Scheiwiller fece una grande opera di diffusione della poesia di Pound in Italia, attraverso la pubblicazione di non pochi suoi libri. Questo che ho in mano, Iconografia italiana di Ezra Pound, All’insegna del Pesce d’Oro 1955, è una vera e propria presentazione del poeta, una lunga brochure pubblicitaria, potremmo dire, con poesie “Una piccola antologia poundiana”, immagini – fotografie e altro –  e interventi di altri scrittori.

I bibliofili non potranno non soffermarsi e domandarsi dove sia ora il Senilità, con dedica a Pound datata 1927, qui riprodotto, oppure i ritratti che gli fecero Tamburi o  Gentilini. Io mi invece mi sono perso per un po’ negli inediti dei poeti, a fondo libro, scritti dedicati a Pound. Mi ha fatto riflettere A Ezra, una poesia di un mio storico pupillo, Camillo Sbarbaro. Dice così: “Ahimé! Sono fioriti / i mandorli tanto attesi,/i peschi, i ciliegi./è tornata nella gronda/la rondine pellegrina./Ahimé, la primavera è finita.”

@Massimiliano Varnai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *