Dopo il successo del primo romanzo degli Ingrattabili, torna Cornelius Kane con un seguito avvincente e geniale degno del primo capitolo della serie. Un mondo surreale e fantasioso dove cani e gatti sono protagonisti umanizzati di un noir dove intrighi e denaro fanno da sfondo.
Come nel piú classico stile investigat(t)ivo la squadra speciale degli Ingrattabili dovrá vedersela con una lunga serie di omicidi apparentemente senza nulla in comune gli uni con gli altri, ma si trafila in lontananza una trama sottile nascosta dal grande evento delle Globaliadi, i grandi giochi sportivi voluti per favorire l’integrazione tra i nobili gatti di Gatattan e i cani randagi dei Canili.
Personaggi loschi, ricchi imprenditori, sicari, femmine fatali e molto altro ancora daranno del filo da torcere al duo composto dal siamese Cassius Lap e dal buldog Crusher McNash, coinvolti anche nei loro problemi personali e sempre in lotta con una cittá che sembra non amare il guinzaglio corto. Il romanzo di Kane, come il precedente, è divertente e spiritoso, ma intriso di quelle ambiguitá sociali tipiche della societá umana riflesse negli atteggiamenti di razze diverse (feline e canine) costrette a vivere a stretto contatto nonostante le differenze.
Kane trova finalmente risposta alla domanda: cane e gatto possono convivere?
La risposta pare essere un deciso sí, a patto che entrambi siano disposti ad accettare le diversitá dell’altro e a sacrificare qualcosa del proprio stile di vita.
Recensione a cura di: Lorenzo Grazzi
Autore:Cornelius Kane
Editore: Tea edizioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *