Fare i conti con Milano, si dice nell’introduzione non firmata.
Mi ricorda molto un’espressione di Sereni, a proposito della poesia, il quale diceva pressappoco che aveva scritto in versi perché aveva dei conti da saldare con la propria esperienza. Ecco dunque che la strenna del Pesce d’oro per l’anno di grazia 1961, Omaggio a Milano, è un volumetto di un’ottantina di pagine di poesie donate da diversi autori e con argomento appunto Milano, intervallate dalle riproduzioni di 12 tavole di Sironi.
E, come porta d’ingresso, un breve scritto di mezza paginetta di Boccioni, datato 1907, che contiene questa domanda: “Ieri ero stanco della grande città, oggi la desidero ardentemente. Domani cosa vorrò?”
Voi non ci crederete, o meglio, magari non v’interesserà, ma con questo dilemma e nella sua altalena mi sveglio ogni mattina, io che da quarant’anni entro ed esco da Milano ma senza mai staccarmene del tutto.
Tiratura 2000 copie numerate, finite di stampare il 30 novembre, in tempo per esser regalate in quel lontano Natale.
@Massimiliano Varnai
Omaggio a Milano è disponibile su MareMagnum.com