Giacomo Properzj, autore di Breve storia della Grande Guerra, ha la civetteria di definire il suo libro ‘bigino’.
L’espressione indica una certa età dello scrittore. I bigini erano sunti redatti per sveltire l’apprendimento a scapito dell’approfondimento. A scuola erano malvisti, ma in certo modo utili.
L’opera di Properzj non è un ‘bigino’.
E’ un racconto sintetico sì, ma approfondito, delle cause, degli avvenimenti e dei risultati del conflitto 1914-1918.
Scritto bene, chiaro, senza sbrodolamenti è utilissimo a chi voglia precisione e, allo stesso tempo, soddisfazione
nell’ apprendere tante cose dimenticate o mai sapute.
Properzj conosce la materia a fondo, non si sovrappone però mai con opinioni o tesi soggettive che velino la relativamente semplice atrocità dei fatti.

Giacomo Properzj
Breve storia della Grande Guerra
Mursia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *