E’ la ricostruzione precisa e fedele, stesa con un ampio testo redatto in forma annalistica ancorato al terreno dello scontro mediante oltre 150 carte storiche di gran formato, di quanto è avvenuto nei tre anni della guerra 1915-1918 sul Fronte dell’Isonzo, dapprima nelle 11 battaglie frontali e poi nella 12^, con la tragica rotta di Caporetto ed il ripiegamento italiano sino al Piave.Il libro fornisce un punto fermo di tutta evidenza nella sequenza delle sanguinose battaglie per la ripresa di Gorizia, caratterizzate da scontri frontali tra i due eserciti, con limitatissimi progressi sul terreno, pagati con enormi perdite da entrambe le parti. Giorno per giorno vengono riportate le varie fasi dello svolgimento dei combattimenti, con l’individuazione e la localizzazione dei diversi reparti impiegati negli stessi, nonché con l’indicazione delle perdite subite reparto per reparto nelle diverse azioni.Poi la rotta di Caporetto, lo studio e la preparazione dell’operazione ed il suo svolgimento con l’invasione del Friuli sino all’arresto sulla linea del Piave. Da notarsi che per il periodo 24 ottobre – 9 novembre 1917 l’Autore ha ritenuto opportuno utilizzare i rapporti dei comandi austro-tedeschi, molto più attendibili sui tempi e le modalità di raggiungimento delle diverse località, di quelli dei comandi italiani, quasi sempre compilati a posteriori, sul filo della memoria e quindi di parziale attendibilità. E’ la prima volta che un testo storico italiano fa ricorso a queste fonti.Un’opera quindi destinata a divenire fondamentale per la ricostruzione di queste tragiche vicende; anche perché con la sua evidenza cartografica in grado di fornire elementi decisivi anche su quei punti rimasti sinora relativamente nel vago. 

1915-1918 – Fronte dell’Isonzo e rotta di Caporetto. I movimenti delle truppe italiane e autro-tedesche nei tre anni di conflitto.
Corbanese G.G. – Mansutti A.
Del Bianco Editore
2003