“Autore così autenticamente popolare e insieme così profondamente metaforico da rasentare l’oscurità” ci dice di Blake Roberto Sanesi nella sua prefazione al libro di Kathleen Raine, William Blake, Mazzotta Collana Testimonianze (quella per intenderci, delle sempre originali monografie su artisti e movimenti o libri di artisti, come Autoritratto di Man Ray). Blake fu scrittore e illustratore di cose altrui, ironia della sorte molto inferiori alle sue (il giudizio è della stessa Raine, p. 97). Le immagini, non poche, accompagnano la monografia, e con esse qualche riferimento (puntuale, ci rassicura Sanesi) anche all’aspetto letterario. “La grandezza di Blake risiede non in un’opera particolare ma nell’insieme di ciò che è stato, che è più della somma di quanto ha fatto”. Il libro Mazzotta è del 1980, l’edizione originale del 1970. Kathleen Raine, oltre che saggi, nella sua vita scrisse poesie.

@Massimiliano Varnai

 

Cercalo su https://www.maremagnum.com/ricerca/risultati?search%5Bkeyword%5D=william+blake

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *