Che diventa audito, direte voi. E dite bene, perlopiù. L’evento inaudito è l’unificazione delle due Germanie. Il libro in questione, una sorta di instant book, di Wolf Lepenies, Conseguenze di un evento inaudito. I tedeschi dopo l’unificazione, il Mulino 1993 (l’edizione tedesca è di un anno prima, 1992). Attualmente, mentre scrivo questo pezzo, su maremagnum ne sono presenti solo due copie.

Il libro è curioso, analizza le risposte sociali – gente comune e intellettuali, dell’una e dell’altra parte, quella dei vincitori e quella dei vinti, se così si può dire, decisamente semplificando – a un evento arrivato “all’improvviso” e realizzatosi in fretta, eppure con grandi cambiamenti per tanti singoli individui, costretti da un giorno a quell’altro a fare i conti con uno scenario differente da quello cui erano abituati, molti da tutta una vita (sull’argomento su può leggere anche Enzo Collotti, Dalle due Germanie alla Germania unita, Einaudi).

Va da sé che il problema, sollevato e analizzato allora, può essere verificato alla luce di quasi un ventennio di ulteriori eventi e passaggi. E che ha sicuramente modificato la sua portata con gli anni. E che forse, per molti, ora non sussiste neanche. La storia passa, fa gran fracasso, poi diventa argomento di libro di testo o poco più.

@Massimiliano Varnai